La Scuola

Visualizza lo Statuto in formato .pdf

La Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio del Politecnico di Bari è stata istituita in data 25 gennaio 2013; la sua finalità, coerentemente con quanto disposto dal DM n. 137 del 15 giugno 2006 è la formazione ai fini della tutela, gestione e valorizzazione del patrimonio culturale e più precisamente si “propone l’obiettivo di formare specialisti con uno specifico alto profilo professionale nel settore dello studio, della tutela, del restauro, della gestione e valorizzazione del patrimonio culturale architettonico e paesaggistico, inteso nel suo senso più lato” (DM 31 gennaio 2006).

La Scuola ha sede presso il Dipartimento di ingegneria Civile e Architettura del Politecnico di Bari.

L’offerta didattica della Scuola di Specializzazione comprende un Corso di Specializzazione biennale, coerente con quanto disposto dal D.M. 15 giugno 2006 n.137, e un Corso di Perfezionamento annuale, coerente con quanto disposta dall’art. 1, comma 15, della legge 14 gennaio 1999, n. 4 e dal D.M. 22 ottobre 2004, n.270.

 

Il Corso di Specializzazione

Il Corso di Specializzazione è distinto in tre diversi curricula:

  • Storia e Restauro dell’architettura Antica
  • Restauro dell’architettura in pietra
  • Analisi e restauro del Paesaggio

e rilascia un Diploma di Specializzazione.

  1. Curriculum in “Storia e restauro dell’architettura antica

Mira a conferire, attraverso i suoi corsi e tirocini, un’approfondita preparazione storico-critica con particolare riguardo al settore dell’architettura antica, nonché elevate competenze tecniche e professionali relative ai principi e ai metodi di intervento per la tutela, la conservazione e il restauro dei beni architettonici, archeologici, paesaggistici e ambientali, con approfondimenti sul restauro dell’architettura antica e in particolare sui diversi aspetti inerenti gli interventi di anastilosi.

L’indirizzo inoltre è orientato a fornire articolate competenze riguardo alla progettazione museale, sia sotto l’aspetto museografico, sia per quel che concerne la museologia nelle sue diverse applicazioni, con particolare attenzione allo specifico dei musei archeologici.

  1. Curriculum in “Restauro dell’architettura di pietra

Intende fornire, attraverso i suoi corsi e tirocini, un’approfondita preparazione storico–critica e progettuale nel campo del restauro dell’architettura moderna (secoli XI-XX) in pietra attraverso il trasferimento agli allievi di approfondite competenze ed abilità tecniche e professionali, sia tradizionali che tecnologicamente avanzate.

  1. Curriculum in “Analisi e restauro del paesaggio”

è volto a formare specialisti idonei a riconoscere i caratteri identitari e i valori delle forme dei paesaggi naturali e antropici e al tempo stesso in grado di progettare il territorio e la “rigenerazione” dei paesaggi costruiti e della città contemporanea, valorizzando i rapporti che si stabiliscono tra le forme insediative, la scienza e la tecnica del costruire e le forme dei territori naturali.

La Scuola prevede l’acquisizione di 120 CFU secondo un piano degli studi definito del Manifesto all’inizio del biennio, Gli insegnamenti, di durata semestrale o annuale, e gli stage/tirocini sono articolati in due annualità, mentre il successivo semestre è dedicato alla tesi di diploma.

Nei curricula “Storia e restauro dell’architettura antica” e “Restauro dell’architettura di pietra”, le attività formative della Scuola di Specializzazione comprendono anche due stage/tirocini che prevedono la partecipazione a campagne di scavo e di rilievo archeologico, nonché a cantieri di restauro.

Le conoscenze acquisite nell’ambito del Corso di Specializzazione sono finalizzate:

– alla prestazione di servizi, altamente qualificati, relativi all’analisi storica, alla conoscenza critica, alla catalogazione, alle tecniche diagnostiche relative ai beni architettonici e paesaggistici;

– alla gestione e manutenzione di singoli complessi di alto valore storico-architettonico o di siti e paesaggi significativi;

– alla gestione, conservazione, restauro, tutela, recupero, riabilitazione e valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico generalmente inteso, in Italia e all’estero, anche in riferimento all’attività di organismi internazionali.

A tal fine si ricorda che il diploma della Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio è titolo necessario per la partecipazione ai concorsi per l’accesso alle carriere per funzionari architetti delle Soprintendenze del Ministero per i Beni e le Attività Culturali ed è inoltre titolo preferenziale per l’accesso:

– alle altre strutture pubbliche (in primo luogo Regioni, Province, Comuni) preposte alla tutela, conservazione, restauro, gestione, valorizzazione, catalogazione, anche sotto il profilo del rischio, del patrimonio culturale architettonico e paesaggistico;

– alle organizzazioni internazionali operanti nel settore del patrimonio architettonico e paesaggistico;

– alle strutture pubbliche o private che abbiano funzioni e finalità organizzative, culturali, editoriali o di ricerca nel settore dei beni culturali architettonici e del paesaggio;

– agli organismi privati, come imprese, studi professionali specialistici o uffici tecnici operanti nel settore del patrimonio architettonico e paesaggistico.

 

Il Corso di Perfezionamento

Il Corso di Perfezionamento con orientamento professionalizzante “CESAR“, Corso di Alta Formazione Applicata in Architettura e Restauro / Cours de Enseignement Supérieur en Architecture et Restauration, da svolgersi in collaborazione con l’Association Ouvrière des Compagnons du Devoir et du Tour de France, il Conservatoire National des Arts et Métiers (CNAM), la Romeo srl Trani, e rilascia un Diploma di Perfezionamento equiparato al titolo di master universitario di primo livello.

Il Corso di perfezionamento “CESAR”, Corso di Alta Formazione Applicata nel Restauro dell’Architettura / Cours de Enseignement Supérieur en Architecture et Restauration, è un corso di perfezionamento scientifico e di alta formazione rivolto ai laureati triennali e a tutti coloro che sono forniti di titolo accademico estero ritenuto di livello corrispondente.

Il Corso di Perfezionamento, coerentemente con quanto previsto dalla legge, è caratterizzato da un orientamento professionalizzante.

Il Corso “CESAR” si pone l’obiettivo di creare e formare un profilo professionale di snodo tra la gestione del cantiere di restauro, nello specifico per quel che concerne la lavorazione della pietra e la carpenteria lignea, e gli specialisti idonei ad intervenire nel settore dello studio, della tutela, del restauro, della gestione e valorizzazione del patrimonio architettonico.

A tal fine, oltre alla già citata collaborazione, in base ad una specifica Convenzione, con istituzioni straniere, il Corso di Perfezionamento si avvale di rapporti di partenariato con le seguenti aziende nazionali ed estere:

  • T&D Robotics (Massa)
  • Pimar srl (Cursi)
  • Crea 3D (Ruvo di Puglia)
  • SNBR (Troyes – FR)

Sono lingue ufficiali di CESAR: l’italiano, il francese, l’inglese.

Il Corso di Perfezionamento rilascia un “double degree”, conferito dal Politecnico di Bari e dal Conservatoire National des Arts et Métiers (CNAM), che in ambito nazionale è equivalente al titolo di master universitario di primo livello.

Il Corso di perfezionamento ha durata di un anno e prevede l’acquisizione di 60 CFU.

Il programma didattico definito del manifesto degli studi è integrato da attività pratiche costituite dagli stage.

Le attività pratiche di stage aziendali rappresentano il vero punto di forza di CESAR durante le quali si invera il passaggio della teoria alla pratica secondo le regole dell’arte. Gli stage saranno propedeutici alla elaborazione del capolavoro che ogni singolo candidato realizzerà per la relativa prova finale.